testate repubblica 12 luglio 2016

Mi faccio il filler allo specchio

In fondo è solo una puntura. Perché non farmela da solo? O farmi aiutare da qualcuno, un'amica o l'estetista. La pensano così coloro che acquistano i filler antirughe dai siti internet delle farmacie per poi fare da sé senza passare dal dermatologo. Il tesserino da medico non serve per questo genere di shopping e, da quando è operativo il decreto ministeriale che autorizza le farmacie della penisola a vendere online, basta una carta di credito e il pacchetto contenente l'elisir di giovinezza da iniettare sotto la pelle arriva direttamente a casa, e a prezzi stracciati.
A lanciare l'allarme è il presidente della Società italiana di medicina estetica, Sima, Emanuele Bartoletti: «La prima volta una mia paziente mi ha raccontato che glielo aveva fatto un‘amica - racconta Bartoletti - e stentavo a crederci. Ma negli ultimi mesi me lo hanno anche confermato numerosi colleghi. E ho voluto provare anch'io a fare un acquisto online senza registrarmi come medico. Mi sono collegato ai siti delle farmacie e sono arrivato alla fine dell'ordine».
Leggi l'articolo

 

testate surgical tribune 16 maggio 2016

La medicina estetica non deve ringiovanire

Durante il 37° congresso della SIME, in concomitanza con l’11° European congress of Aesthetic Medicine e all’11° congresso AIMAA, il messaggio lanciato dagli organizzatori è stato chiaro ed univoco: la medicina estetica è a tutti gli effetti da considerarsi una branca della Sanità con la S maiuscola e come tale deve essere approcciata dai medici e dai pazienti. I tre congressi riuniti in un unico appuntamento a Roma tra il 13 e il 15 maggio hanno quindi visto una grandissima partecipazione di medici e pubblico.
Leggi l'articolo

 

testate libero 14 maggio 2016

Prende il via ‘Verità è Bellezza’ la campagna informativa SIME

Dalla corretta informazione alla valutazione delle alternative, dalla prevenzione ai risultati, 10 regole e consigli concreti per avvicinare la medicina estetica nella maniera più corretta e sicura possibile: è l’intento con cui nasce il ‘Decalogo della SIME’, primo atto della nuova campagna della SIME ‘Verità è Bellezza’. L’iniziativa nasce in risposta alle tante polemiche e al grande interesse mediatico suscitato dal mondo dei trattamenti estetici, con la conseguente confusione nei confronti della disciplina, mentre per la SIME l’obiettivo è quello di accompagnare e aiutare i pazienti nella comprensione delle potenzialità e dei limiti della medicina estetica. "Come voi ben sapete – dice Emanuele Bartoletti, presidente SIME – siamo nell’era della comunicazione, e purtroppo i suoi canali si sono talmente moltiplicati che essa tende a volte ad essere distorta: soprattutto quando la materia è così delicata e di attualità giornaliera.
Leggi l'articolo

 

testate corsera14 maggio 2016

Medicina estetica, c’è l’ambulatorio per le complicanze da filler

È nato al Fatebenefratelli sull’isola Tiberina un centro per affrontare ematomi e gonfiori, ma anche problemi più seri come noduli, granulomi e necrosi. Il decalogo per i pazienti e i medici. Bartoletti: «Dite no alle bellezza pronta e subito». Tutti pazzi per il filler. Sono sempre di più le donne che scelgono di affidare il proprio viso alle infiltrazioni di acido ialuronico per restituire alla pelle il turgore della giovinezza. Ma guai ad affidarsi a stregoni improvvisati: i trattamenti sbagliati segnano il viso delle clienti, a volte in modo anche permanente.
Leggi l'articolo

 

testate libero 13 maggio 2016

Bartoletti: “La medicina estetica è ormai sempre meno aggressiva”

Oltre 2.500 partecipanti previsti, 460 abstract di relatori provenienti da 20 paesi non solo europei e oltre 100 aziende espositrici. Numeri da congresso ‘monstre’ quelli del 37° congresso nazionale della Società Italiana di Medicina Estetica (SIME) che si tiene al ‘Rome Cavalieri Waldorf Astoria’ dal 13 al 15 maggio 2016, che quest’anno comprenderà anche l’11° European congress of Aesthetic Medicine e l’11° congresso dell’Accademia Italiana di Medicina Anti Aging (AIMAA). “Uno sforzo organizzativo enorme quanto l’attesa dei risultati che emergeranno dal confronto internazionale – sottolinea il presidente della SIME Emanuele Bartoletti – una soddisfazione grande che gratifica tutti noi medici estetici”.
Leggi l'articolo

 

testate repubblica 13 maggio 2016

Medicina estetica, un decalogo per evitare brutte sorprese

Alghe al posto dell’acido ialuronico, peeling più soft, cellule staminali, plasma arricchito di piastrine e trattamenti dermo-ristrutturanti pensati per la pelle dell’uomo che pratica sport all’aperto. Sono alcune delle novità al centro del 37° Congresso nazionale della Società Italiana di Medicina Estetica (Sime) che si tiene a Roma da oggi al 15 maggio. Gli esperti ci spiegano quali sono gli ultimi trattamenti da provare per combattere le rughe, ma suggeriscono anche dieci regole dedicate al paziente che vuole avvicinarsi alla medicina estetica in modo sicuro. E per chi incappa in una brutta esperienza, nasce all’Ospedale Fatebenefratelli – Isola Tiberina di Roma l’ambulatorio dedicato alla gestione delle complicanze da filler.
Leggi l'articolo

 

testate azsalute febbraio 2016

Couperose. Come e perché

Vampate improvvise di calore, bruciori, prurito e, nei casi più seri, una ragnatela di venuzze a fior di pelle. È l’identikit della couperose, una malattia che prende il nome dal colore rosso che colora guance e naso. La couperose si manifesta con una ragnatela di sottilissimi “fili” rossi sul viso dovuta ai capillari dilatati, che assumono un tragitto irregolare, o ad ali di farfalla, che dal naso si estende alle guance. All’origine del fenomeno c’è una particolare predisposizione dei piccoli vasi a ingrandirsi e a rendersi visibili, favorita da vari fattori: sbalzi termici, problemi digestivi, emozioni improvvise, selvagge esposizioni solari, disturbi psicosomatici.
Leggi l'articolo

 

testate azsalute novembre 2015

Labbra, se non ti piacciono puoi modificarle

Da sempre, le labbra sono un punto di forza del fascino femminile. A volte, però, a minare la loro bellezza contribuisce l’invecchiamento del volto, a causa di graduali, ma continue modifiche di ogni sua parte. Nel caso della bocca, queste imperfezioni si notano con la perdita di volume delle labbra e con la comparsa di rughe. Per chi non può vantare di avere una bocca piena e attraente, ci sono interventi estetici in grado di migliorarne l’aspetto. In linea di massima tutti gli inestetismi sono oggi correggibili ricorrendo, a seconda dei casi, a interventi di chirurgia estetica o all’inserimento, sottocute, di materiali di riempimento dei tessuti: i filler. Vediamo cosa si può fare.
Leggi l'articolo

 

testate fattoquotidiano 30 maggio 2015

Chirurgia estetica, adolescenti vogliono ritocco:
“Seguono l’esempio genitori”

Secondo la Società italiana di medicina estetica che ha condotto una ricerca con l’università Magna Grecia di Catanzaro siamo di fronte a un nuovo fenomeno: sono sempre più le ragazze tra i 13 e i 18 anni che si rivolgono a un centro specializzato per rifare seno, fianchi e gambe; i maschi invece preferiscono intervenire su muscoli e naso.
Leggi l'articolo

 

testate tiscali 22 maggio 2015

"Quanto è brutta mia figlia":
a 15 anni dal medico estetico accompagnati da mamma

I canoni estetici dei divi dello spettacolo dettano legge in modo sempre più prepotente e i giovani a 15 anni sono già ossessionati dall'idea di dover essere belli o belle come i loro idoli patinati. È anche per questo che negli ultimi anni si sta registrando un allarmante aumento del numero di adolescenti, sia femmine che maschi, che si rivolgono al medico estetico o al chirurgo plastico chiedendo dei ritocchi. Un fenomeno segnalato dagli stessi specialisti del settore che rilevano come la correzione di labbra, naso, seno e cosce siano le richieste più frequenti. Ne abbiamo parlato col presidente della Società italiana di medicina estetica (Sime) Emanuele Bartoletti.
Leggi l'articolo



InizioIndietro1234AvantiFine